LOADING

Type to search

ISOLA DEL GIGLIO

CAMPOBASSO ISERNIA TURISMO

ISOLA DEL GIGLIO

capitmolise 22 dicembre 2019
Share

1° giorno:         Pitigliano – Sovana                       24 APRILE 2020

Partenza da Campobasso in autobus GT in via Lombardia (pino nord – distributore del pane Barletta), alle ore 7.30, via Morcone/Benevento, in autostrada per Pitigliano. Arrivo e pranzo al sacco. Incontro con la guida e visita della cittadina. La città sorge su un alto sperone tufaceo e le case si elevano intorno al ciglio della rupe, formando un’interrotta “bastionata”, una preziosa e naturale fortificazione. Case dai caldi colori, case medievali, arditi ponteggi di incredibile leggerezza, sembra un’immagine da fiaba. Sotto l’abitato “visibile” si nasconde una città invisibile, sotterranea, suggestiva. Dal piano terra delle case di Pitigliano si accede ad antiche cantine, granai, stalle ricavate nella massa tufacea. Proseguimento per arrivo a Sovana antica capitale della contea aldobrandesca, ricca di maestose memorie. Nei pregevoli interni del Palazzo dell’Archivio si conserva il mirabile fregio della grandiosa tomba etrusca “Ildebranda”. Proseguendo lungo la “via di mezzo” del paese si raggiunge il Duomo di Sovana risalente all’XI sec.; Sui costoni e lungo le valli che circondano il centro storico di Sovana si trova la Necropoli Etrusca scoperta nell’anno 1843. Numerose le tipologie di tombe presenti: a cassa, a edicola, a timpano, a dado, indubbiamente la più famosa del territorio è la tomba Ildebranda, tomba a tempio con colonne e capitelli, così chiamata in onore di Ildebrando da Sovana (Papa Gregorio VII). Proseguimento per l’hotel, cena e pernottamento.

2° giorno: Isola del Giglio

Prima colazione in hotel, incontro con la guida e partenza per Porto Santo Stefano per l’imbarco sul traghetto per l’Isola del Giglio, è la seconda per grandezza (21 chilometri quadrati) dell’Arcipelago toscano. Isola di natura granitica ricca di storia, leggende e panorami mozzafiato, splendida dinanzi al promontorio del Monte Argentario. Tre sono i suoi centri principali: Giglio Porto: Antico centro di pescatori si sviluppa a semicerchio lungo una piccola insenatura della costa orientale. Giglio Castello: Capoluogo dell’Isola, centro storico per eccellenza si trova arroccato a 405 metri di altezza. Il suggestivo Castello mantiene praticamente intatta la sua struttura urbanistica medievale ed è circondato da una cinta muraria di epoca pisana, intervallata da torri cilindriche e rettangolari. Pranzo in ristorante. Giglio Campese: Splendida insenatura che offre panorami di incomparabile bellezza, si distende su una lunga lingua di sabbia e scogli granitici, dominata dalla torre omonima, (Torre del Campese). Ritorno a Giglio Porto per lo shopping e quindi imbarco per il rientro sulla terraferma. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno: Tarquinia

Prima colazione in hotel, partenza per Tarquinia ed incontro con la guida e visita della città. Accedendo al centro storico da una delle antiche porte d’accesso ancora ben conservate, è possibile raggiungere, percorrendo Via Porta di Castello, il primo e più importante nucleo medievale, con la splendida Chiesa Santa Maria di Castello. Continuazione della visita e delle tombe etrusche, tra le tombe più famose figurano la Tomba dei Leopardi, della Caccia e della Pesca, delle Leonesse, del Triclinio, del Guerriero, del Cacciatore, dei Cardarelli, del Fior di Loto. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio tempo libero. Verso le ore 17.00 partenza per il rientro a Campobasso.

 

ISOLA DEL GIGLIO

Condividi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi